READING

La battaglia di Oris per il pianeta Terra

La battaglia di Oris per il pianeta Terra

Oris ha una mission veramente importante: proteggere le riserve d’acqua del mondo e, oggi, ha deciso di perseguirla in collaborazione con la Lake Baikal Foundation, l’associazione che monitora, controlla e salvaguarda uno specchio d’acqua gelata che dal 1996 è patrimonio dell’umanità.

C’é un lago semi-ghiacciato nella regione montuosa che separa la Siberia dalla Mongolia, noto per essere il più profondo e il più antico del nostro pianeta. Il lago di Baikal, questo il suo nome, è il settimo nella classifica dei più grandi al mondo per superficie, ed è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1996. Considerato come una sorta di “Galápagos della Russia”, accoglie i flussi d’acqua da circa 300 fiumi, raggiunge una straordinaria profondità di 1642 metri, e rappresenta il 20% delle riserve di acqua dolce non congelate del mondo (habitat naturale per migliaia di piante ed animali locali). Queste sono gran parte delle motivazioni che hanno spinto Oris, Casa orologiera di Hölstein (Cantone di Basilea, in Svizzera), con 115 anni di attività alle spalle che, da diverso tempo, si prefigge l’obiettivo di migliorare lo stato di conservazione della “fonte della vita” per eccellenza, l’acqua, a decidere di salvaguardarlo, concentrando il suo impegno sulla meraviglia della “terra che non dorme”. Aneddoticamente va detto che, quando Paul Cattin e Georges Christian rilevarono la fabbrica di segnatempo Lohner e Co., ad Hölstein, e stipularono un contratto con il sindaco locale il 1 giugno 1904, nel decidere quale nome dare alla nuova azienda, scelsero Oris, il nome di un ruscello nelle vicinanze. L’acqua, dunque, è nel destino della Casa. 

Il Lago di Baikal , dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1996

In che modo, quindi, Oris darà il suo contributo alla salvaguardia del Lago Baikal? Attraverso un’edizione limitata del suo modello subacqueo “Aquis”, la Lake Baikal Limited Edition, che verrà realizzato in 1.999 esemplari. I fondi raccolti dalle vendite del nuovo Oris Lake Baikal Limited Edition saranno interamente donati per portare avanti il “Point No.1“: un progetto per la conservazione del Lago Baikal gestito dal Scientific Research Institute of Biology della Irkutsk State University. Rolf Studer, Co-CEO di Oris ha avuto modo di sottolineare: “L’acqua è la fonte della vita. Noi crediamo fermamente nell’opportunità di conservarla per le future generazioni e di agire responsabilmente come cittadini del mondo, per portare positivi cambiamenti. Ogni anno, cerchiamo organizzazioni che condividano con noi questi valori e lavorino per proteggere l’acqua del mondo”.

Basata sull’Aquis, consolidato modello subacqueo di Oris, dalle alte prestazioni, questa edizione limitata, sviluppata in collaborazione con la Lake Baikal Foundation, differisce dai suoi predecessori per la singolare sfumatura di colore donata al quadrante e alla ghiera – che si ispira proprio al colore delle acque del Lago Baikal. La cassa da 43,50 mm, impermeabile fino 30 atmosfere (fondello – personalizzato con il disegno delle scie di ghiaccio sulla superficie del lago – e corona chiusi a vite), è realizzata in acciaio composito, prevede, come accennato, una lunetta girevole unidirezionale, con anello, graduato sulla scala sessagesimale, in ceramica e custodisce un movimento meccanico automatico, calibro Oris 733 (su base Sellita SW 200-1), che permette di visualizzare ore, minuti e secondi al centro, e data al 6, sulla quale si può intervenire con  un correttore rapido: 28.800 alternanze/ora, 26 rubini, riserva di carica di 38 ore. Il quadrante blu sfumato è protetto da vetro zaffiro, ricurvo sui due lati con trattamento antiriflesso sulla parte interna, ed è completato con indici e lancette provvisti di Super-LumiNova. Il bracciale, anch’esso in acciaio, è integrato da fibbia pieghevole ed estensibile per la sua regolazione: essenziale se indossato sulla muta da immersione. Il tutto è presentato all’interno di un packaging, ça va sans dire, “ecosostenibile”, realizzato in cartone.

Particolare del fondello personalizzato dell’Oris Lake Baikal Limited Edition, cassa in acciaio composito impermeabile fino a 30 atmosfere, cinturino in acciaio con fibbia estensibile.

Attraverso questa serie limitata a 1.999 esemplari, numero scelto proprio ricordare l’anno in cui la Russia ha adottato la “Baikal Law” per salvaguardare il lago, Oris conta di fare la sua parte per contribuire a proteggere un’ecosistema fondamentale per la Siberia, e per tutto il pianeta. Nonostante le acque del Lago di Baikal possano essere considerate tra le più “pure” al mondo, esse non sono immuni  dall’inquinamento causato dall’uomo, che attraverso un’espansione e una produzione industriale non attenta a determinate conseguenze, rischia di arrivare ad intaccare persino le profondità proibitive dei laghi che si stagliano placidi nella desolata Siberia.

Il lago di Baikal , nell’oblast’ di Irkutsk 

Romano, appassionato di orologi fin dalla tenera età, vivo nel passato ma scrivo tutti giorni per Il Giornale e InsideOver, dove mi occupo di analisi militari e notizie dall'estero. Scrivo anche sul Foglio, dove argomento pensieri politicamente scorretti, il più delle volte.

ARTICOLI CORRELATI